Casa K Belmont

C’è dentro lo stesso Loos di Villa Tagliapietra, che stavamo realizzando in quel periodo. Ma qui c’è un Loos in salsa californiana più una punta di Schindler, vista la casa così particolare su cui ci confrontavamo. Diagonali, sequenze, ritmo a proteggere questo nostro piccolo cuore pulsante: il loft-club sotteraneo. Loft-club dove esce lo spirito profondo della casa e del suo proprietario. Spazio dove sono stati nascosti disegni di Hejduk (che poi sono un luogo dell’anima, una mia NY oramai scomparsa).

Quelli che non lavorano per gli amici, forse hanno amici sbagliati perché lavorare su una casa è sempre lavorare sulle persone. Cosa c’è di più interessante che lavorare sulle persone che abbiamo scelto e con cui siamo stimolati a stare assieme?

Un lavoro difficilissimo, che sapevamo oltretutto di poter controllare poco in fase di realizzazione, vista la distanza.

Tag: Residenze

Autori:

Giovanni Damiani | Architetto (Giovanni Damiani, Giulia Bassi, Sofia Dal Piva)

Casa K Belmont, progettata da Giovanni Damiani | Architetto nel 2015, segue un’indicazione precisa del committente: costruire una casa da un milione di dollari in un suburbio di qualità fuori Cambridge per una clientela che detesta tutto questo e resta punk.

Lo studio di architettura, accettando la sfida del proprietario, sviluppa una residenza privata partendo da una strana casa dai tratti californiani, comprata proprio perché si distanziava completamente dallo stile New England tipico dei sobborghi del Massachusetts. Una casa dallo sviluppo particolare anche in pianta, dove soggiorno, cucina e living vanno a formare una diagonale di spazi aperti ma separati, che determina una serie di spazi più o meno privati.

La progettazione di questa casa, che voleva conservare lo spirito “altro” rispetto alla zona e allo stesso tempo doveva forzare ancora di più le sue caratteristiche, è diventata l’occasione per lavorare con la luce e sulle sequenze di spazi.

L’altro grande tema di progetto è stato il recupero del basement, trasformandolo da scantinato ad una sorta di loft-club dalle citazioni caleidoscopiche. Una caverna di Batman dove tirare fuori il meglio sia della cultura europea sia del raffinato animo alternativo del committente.

Anno: 2015
Luogo: Belmont, Massachusetts (USA)
Committente: Privato